Project Manager: quali competenze occorrono per l’avanzamento di carriera

Reti Academy Reti Academy 12/09/2017

Un Project Manager (PM) possiede un insieme di competenze tecnico-professionali (hard skills) e trasversali (soft skills) acquisite in contesti formali e informali. 

Le prime sono rappresentati dai percorsi di studio e dai corsi a cui ha partecipato; le seconde sono l’insieme di quanto appreso in ambito lavorativo o mediante percorsi di autoformazione.

LE AREE DI CONOSCENZA DEL PROJECT MANAGEMENT

Poiché i settori in cui può operare un PM sono tantissimi e, contemporaneamente, le aree di conoscenza in cui è richiesto il suo apporto sono diverse, anche per lui vale il detto “gli esami non finiscono mai”. Che però va inteso in senso positivo, come stimolo ad aggiungere ulteriori competenze sul curriculum che facciano da apripista a incarichi più importanti e a ruoli più prestigiosi.

A proposito delle aree di conoscenza, il Project Management Body of Knowledge (PMBOK®) ne individua dieci, che coincidono con la gestione del progetto riguardo a: integrazione, ambito, tempi, costi, qualità, risorse umane, comunicazioni, rischi, approvvigionamento, stakeholder.

I PERCORSI FORMATIVI UTILI AL PM

Tali aree si prestano a essere approfondite attingendo a una formazione manageriale tramite un corso in Project Management riconosciuto a livello internazionale, oppure, nel caso in cui si possegga già la certificazione, “spacchettando” i contenuti in altrettanti percorsi formativi.

A titolo di esempio, eccone alcuni:

  • Business Analysis, fondamentale per la definizione dei requisiti del progetto durante le fasi iniziali;
  • Time Management, per una gestione ottimale del tempo in vista degli obiettivi da raggiungere;
  • Leadership, per un miglioramento delle relazioni e dei processi di delega;
  • Team Building, ai fini di un coinvolgimento attivo di tutti membri del team;
  • Negoziazione, per un potenziamento delle capacità di dialogo con gli stakeholder.

LA CARRIERA DEL PROJECT MANAGER

Un PM Senior può ambire a gestire progetti sempre più complessi fino a diventare Program Manager. Quest’ultimo, con almeno dieci anni di esperienza al suo attivo, coordina il lavoro di più Project Manager rivestendo un ruolo strategico in azienda, che prevede capacità manageriali elevate, in grado di influenzare anche il posizionamento del prodotto/servizio sui mercati di riferimento. Un ruolo che, senza le competenze accennate in precedenza, difficilmente gli verrebbe affidato.

New Call-to-action

Tags: Executive Master PM Project management Corso

Articoli recenti