Le 5 Soft Skills "Must Have" per il Project Manager

Reti Academy Reti Academy 21/11/2017

Uno studio del 2017 condotto dal PMI® (Project Management Institute) ha rivelato come le hard skills non siano più sufficienti in uno scenario globale oramai sempre più complesso.

Le hard skills nel Project Management rappresentano, ad esempio, la capacità di creare una WBS, di redigere il budget di progetto, di effettuare l’Earned Value Assessments e identificare il Critical Path: tutte capacità tecniche, metodologiche ed organizzative.

La messa in campo delle sole hard skills, sembra non essere più in grado di far fronte ai nuovi progetti sempre più calati in contesti multidisciplinari. Proprio in questi contesti diventano sempre più fondamentali per il successo le soft skills, chiamate anche people skills, ovvero competenze complementari alle Hard Skills, che riguardano le caratteristiche della personalità come ad esempio gli atteggiamenti individuali, le abilità sociali, la capacità  saper comunicare in maniera chiara ed efficace, oppure il saper costruire rapporti di fiducia e risolvere conflitti.

Un project manager di successo deve essere in grado di integrare soft skills ed hard skills per governare un progetto di sucesso. Di seguito le 5 soft skills “must have” del project manager:

  • Leadership. Saper guidare un gruppo di persone verso il successo del progetto, combinando le abilità di comprendere quali siano gli obiettivi raggiungibili con la capacità di motivare gli altri.
  • Negoziazione e gestione dei conflitti. Spesso in un progetto è necessario negoziare le risorse (umane, economiche e materiali) necessarie per lo svolgimento del lavoro. La capacità di gestire queste situazioni con approcci costruttivi diviene fondamentale per il mantenimento di buone relazioni tra le parti interessate.
  • Comunicazione. I leader che adottano uno stile comunicativo trasparente e chiaro, ottengono molto di più dal loro team di progetto. Per riuscire ad avere una comunicazione efficace è necessario saper ascoltare.
  • Fiducia. Un buon project manager deve preoccuparsi ogni giorno di creare un clima di fiducia all’interno del proprio team, cercando di coinvolgere e rendere partecipi tutti gli interlocutori.
  • Motivazione. Motivare i membri del team per il raggiungimento di un obiettivo comune è una delle skill essenziali di un buon project manager.

Le soft skills nel project management possono essere sviluppate attraverso la pratica e l’esperienza, ma in questo modo si corre il rischio che alla fine i tratti caratteriali prendano eccessivamente il sopravvento. Per questo motivo è necessario approfondire tali tematiche attraverso corsi di formazione manageriale specifici per ciascuna delle aree precedentemente descritte.

Scopri la nostra offerta formativa

Tags: PM Project management Soft Skills

Articoli recenti